Negli anni settanta, su consiglio dell’Ispettorato forestale, per seguire convenientemente e con personale qualificato la realizzazione di quanto indicato nel progetto di risanamento pedemontano che prevedeva un investimento di 2 milioni, venne crata la prima azienda forestale della regione.

La stessa ebbe uno sviluppo che la portò a contare fino a una ventina di operai e permise anche la formazione di alcuni apprendisti selvicoltori.

Grazie al lavoro dei nostri selvicoltori si cercò e si cerca continuamente di rendere sempre più attraente la corona verde intorno al paese.

Sono nati così “Il sentiero educativo” un percorso didattico che si snoda sulla collina di Maja e i Motti di Arcegno, il “Parco di Maja” inserito nel Piano Regolatore comunale come territorio di studio da mantenere completamente allo stato naturale, la protezione  e la pulizia delle “zone umide” e da ultimo la “Scuola nel Bosco” di Arcegno.

Quest’ultima, per la cui realizzazione gran parte del merito va attribuita al dr. Roberto Buffi, non ha ancora trovato lo sviluppo che ci si aspettava per l’improvviso ritiro dal progetto delle istanze cantonali e per l’impegno finanziario che al momento non può essere sostenuto unicamente dal Patriziato. Ma non appena i tempi miglioreranno faremo in modo di renderla operativa anche con le nostre sole forze.

Anche la riva del fiume Melezza è stata inserita in un progetto del Patriziato che prevede in particolare la salvaguardia dei prati magri.

L’AFOR del Patriziato di Losone ha conosciuto periodi di grande espansione: a cavallo degli anni ’80 e ’90 con il progetto di risanamento pedemontano. Un’azienda formatrice di apprendisti e con un totale di più di 15 dipendenti. Negli ultimi anni, finiti i grandi progetti, la si è abbandonata al proprio destino con l’ipotesi di chiuderla definitivamente.

La nuova Amministrazione Patriziale, in carica dalla primavera 2009, ha però deciso di rilanciare l'AFOR, visti i nuovi progetti legati alla vasta superficie boschiva di Losone: il piano di gestione dei boschi su 10 anni (bosco di protezione, di svago e di produzione), la centrale termica a cippato della ERL SA. L’AFOR in particolare si occupa dei lavori nei boschi losonesi in collaborazione con il Patriziato, il Comune e il Cantone ma interviene regolarmente con altri enti pubblici o clienti privati.

Organigramma aziendale

Azienda FORestale Losone

+41 79 848 88 95 / www.aforlosone.ch / aforlosone@gmail.com